L'AZIENDA

Dietro ogni azienda e ogni realtà imprenditoriale ci sono fatica e creatività, passione e competenza, impiegate giorno per giorno, anno per anno, al servizio di un sogno, di un’idea. È un percorso affascinante e irripetibile, che affonda le radici nella storia di chi ci ha preceduto. Ripercorrere le tappe di questa grande avventura attraverso i volti, le vicende, gli ostacoli e le conquiste dei suoi protagonisti è un modo per coltivare il patrimonio più prezioso di un’azienda: la sua identità. E offre uno strumento utile per innovare nel segno della continuità, salvando il meglio del passato e del presente per ripensare ogni volta il futuro.
La storia dell'azienda
GLI ANNI CINQUANTA: NASCONO LA OMAS E LA STORICA S9, LA PRIMA AFFETTATRICE A VOLANO

Omas (Officine Meccaniche Affettatrici Santo Stefano) viene fondata nel 1950 da Carlo Rabolli e altri due soci. Il territorio di Oggiona e dei comuni circostanti vanta una tradizione nella produzione di bilance e Carlo intravede la possibilità di sfruttare questa caratteristica indirizzandola verso la costruzione di affettatrici e di altre macchine necessarie alla lavorazione della carne. Commercialmente appare infatti conveniente seguire l’abbinamento affettatrici-bilance nella fornitura alle macellerie e ai negozi di alimentari.
Nasce così, tra il 1949 e il 1950, dall’esperienza di un imprenditore con una tradizione familiare di macelleria e con una visione limpida e innovativa del futuro aziendale, l’originale affettatrice a volano Omas: il modello S9, la prima prodotta nella zona.

IL BOOM DEGLI ANNI SESSANTA IN OMAS

Negli anni sessanta anche Walter Rabolli, entra nell’impresa: l’evoluzione e i miglioramenti nelle affettatrici e nelle altre macchine prodotte da Omas continuano.
L’impresa ha raggiunto già in questi anni un’importante presenza internazionale che non si limita alla sola Europa: nel 1962 Omas arriva prima in estremo oriente e poi approda in Australia.
In questo periodo l’incremento dell’attività è tale che nel 1964 Walter apre una fonderia d’alluminio per poter controllare al meglio le caratteristiche di fusione e di qualità dei componenti e del metallo usato per la costruzione dei prodotti Omas. La fonderia accompagna ancora oggi l’attività dell’impresa.

ANNI SETTANTA E OTTANTA: OMAS DÁ IL VIA ALL’INNOVAZIONE.

INIZIA A DISTINGUERSI IN MODO NETTO DAL RESTO DEL MERCATO, E COSI' FINO A OGGI, PASSANDO DAGLI ANNI NOVANTA Nel corso degli anni settanta e ottanta, il settore si popola di nuove imprese ma Omas puntando sull’innovazione continua e veloce riesce a mantenere il primato sugli altri produttori.
L’affettatrice con movimento automatico è la novità di questi anni.
Negli anni novanta, le nuove norme europee orientano la progettazione nel settore verso l’assoluta importanza della sicurezza degli operatori che usano affettatrici o altri macchinari. Omas è ulteriormente stimolata ad innovare, per garantire la totale sicurezza dei suoi prodotti, per cercare di ottimizzare i tempi degli operatori, per rendere rapide le operazioni di pulizia e smontaggio delle macchine, per andare incontro ad ogni più piccola esigenza della sua clientela, assicurando ai suoi clienti la tradizionale alta qualità dei suoi prodotti.

CONTINUA RICERCA, COSTANTE AFFINAMENTO TECNICO E PROCESSI PRODUTTIVI COMPLETAMENTE CONTROLLATI:
LA STRATEGIA MIGLIORE DA ALLORA AL NUOVO MILLENNIO

I punti di forza dell’impresa, il suo orgoglio, sono innanzitutto la continua ricerca tecnologica, l’innovazione, la forte diversificazione commerciale, dall’America all’Estremo Oriente, la garanzia di un’altissima qualità dei materiali e dei processi produttivi, tutto assicurato dalle competenze acquisite nel corso dei suoi sessanta anni di attività, dalle capacità dei suoi tecnici e operai, che negli anni hanno interiorizzato la scuola dell’impresa facendosi garanti della qualità dei prodotti. Omas si caratterizza per aver mantenuto un'anima artigianale parallelamente alla profonda evoluzione tecnologica e al rinnovamento costante di attrezzature, spazi e tecniche di lavorazione. Questo le permette di andare incontro alle esigenze di ogni singolo cliente e di personalizzare la produzione per i clienti più esigenti. L’azienda assomiglia un po’ a una sartoria d'alta moda.

L’innovazione di prodotto rimane negli anni e oggi più che mai la strategia migliore per contrastare la concorrenza straniera avvantaggiata da costi minori. Il modo migliore per garantire la massima qualità dei materiali e dei processi è poterli controllare dall’inizio alla fine: dalla fonderia all’anodizzazione e alla lucidatura dei pezzi, dalla tornitura al montaggio di ogni parte della macchina, ogni processo avviene all’interno delle strutture di Omas, in Italia. E in Omas crediamo che un prodotto non sia solo un oggetto, ma rappresenti tutte le persone che hanno concorso alla sua costruzione, da chi ha pensato al progetto, a chi ha fuso il metallo a chi l'ha lavorato e poi assemblato, a tutti coloro che si impegnano ogni giorno per fare un buon lavoro.
Nulla può sfuggire, nessun dettaglio è lasciato al caso e solo in questo modo l’esperienza di un’azienda solida come Omas è in grado di adattarsi ogni giorno alle nuove richieste del mercato: innovare senza perdere di vista l’esperienza di questi lunghi sessanta anni di lavoro.